Uno stile che rispecchi l’identità del Brand

Le parole sono una delle monete di scambio più importanti del web. E se si aspira ad essere dei Marketers di successo è necessario imparare ad usarle nel modo più appropriato, in modo che il nostro Brand possa beneficiarne a pieno. Il web trabocca in ogni dove di ogni tipo di contenuto, sappiatelo! Quindi, se volete cogliere anche per un solo secondo l’attenzione dei lettori o addirittura se mirate a farli rallentare un attimo per prestare attenzione al vostro articolo, c’è un unico modo: quello che scrivete deve essere utile, gradevole e differenziarsi dal resto del “baccano” udibile Online. Se lo è, vi sono buone probabilità che in un certo lasso di tempo sempre più persone cominceranno a connettersi con voi con più frequenza, a credere nel vostro Brand e ad identificarvi come una fonte fidata di informazioni (cosa più rilevante di tutte). Con uno stile monotono, piatto e noioso difficilmente instaurerete un rapporto solido e di fiducia con i lettori. Allo stesso modo una scrittura troppo complessa o giovanile può portare agli stessi effetti. La strada da intraprendere è quella di un tono che sia informativo, rispecchi la personalità del Brand e sia allineato alle aspettative del pubblico. Proverò a condividere con voi alcuni piccoli trucchi e accorgimenti per ottenere una scrittura efficace ed incollare allo schermo i lettori. Non scoraggiatevi come Lisa 🙂

Titoli intriganti per catturare l’attenzione

Per prima cosa, il vostro stile ha bisogno di headline accattivanti che colgano subito l’occhio del lettore. Considerate che circa l’80% delle persone sono solite leggere il titolo ma solo un esiguo 20% procederà con il resto del testo. Riuscire ad elaborare titoli di impatto sicuro diventa la chiave di volta per migliorare il rendimento complessivo della strategia di Content Marketing. Un ottimo titolo dovrebbe essere specifico, far capire subito al lettore che vantaggi avrà dalla sua lettura e spingerlo alla lettura sul momento. Cominciate a scrivere con un “titolo template” che detterà la natura del pezzo e vi darà un focus su cui concentrarvi. Una volta concluso il lavoro, tornate di nuovo al titolo originario in modo da modificarlo (se necessario) e renderlo più calzante ed allineato alla direzione che il post ha intrapreso (magari considerando anche opinioni altrui). Inoltre. È possibile scegliere tra una larga gamma di formati per gli headlines e per strutturare il post. Ecco i più comunemente usati:

  • Come fare a…”. Semplicemente si spiega al lettore come fare qualcosa
  • Lista”. Questo format si presenta spesso nella forma di “X modi per..” o una serie di consigli pratici.
  • Formato Domanda. Suscitare l’interesse di chi legge con un titolo in forma di domanda (con la promessa di trovare una risposta adeguata)
  • Angolazione negativa”. In questo modo si fa presente al lettore che sta facendo qualcosa nel modo sbagliato: nel testo dovrete però fornire il corretto rimedio per evitare questi errori. (“I 10 errori più diffusi quando..” , “Cosa non fare mai se..”).
  • Il formato “Segreto”. Uno dei modi migliori per stimolare la curiosità del pubblico.
  • Il “Piccolo Trucco”. Si promettono piccoli trucchi per risolvere un problema: in questo modo si cerca di convincere il lettore che quello che stiamo comunicando si differenzia da quello che è già ampiamente disponibile Online.
  • Cose che dovresti sapere..”. Si ricorda al lettore che ci sono ancora valide informazioni di cui probabilmente non sono al corrente.
  • Dati e Statistiche”. Elenco di numeri e statistiche che rafforzano il contenuto dell’articolo.
  • Quick tip”. Un formato leggero e che comporta un minimo impegno di tempo per il lettore.

Un tono appropriato

Il tono usato dovrebbe essere il più conforme possibile a quelli che sono i gusti del lettore, alle loro attitudini e all’argomento trattato. Il tipo di scrittura può essere divertente, seria, informale ma anche bizzarra, spiritosa oppure autorevole. Il tono che usate può lasciare una prima impressione nettissima e la maggior parte delle persone che raggiungerete sarà propensa a legarlo a doppio filo con l’essenza del vostro Brand.

Utilità per il lettore

Idealmente, il contenuto dovrebbe supportare chi lo legge nel realizzare qualcosa o a capire meglio un determinato argomento. Qualunque sia il tipo di contenuto che andrete a realizzare (ebooks, whitepapers, articoli di blog), il fine ultimo dovrebbe essere quello di aiutare i lettori a fare qualcosa o a farlo nel modo migliore. In poche parole deve essere utile: questo è il fattore che aumenterà sensibilmente la vostra credibilità agli occhi del vostro audience. La creazione di una Buyer Persona dettagliata  in ogni sua sfaccettatura tornerà molto comoda per scrivere da una prospettiva collaborativa: conoscere in profondità il vostro lettore tipico, vi aiuterà a focalizzarvi sui suoi obiettivi, sulle sue difficoltà principali e su come di solito cerca informazioni. Con tutti questi aspetti al vostro servizio potrete facilmente creare nuovi contenuti e dimostrare con la scrittura la piena comprensione dei bisogni dei lettori.

scrittura-efficace-buyer-persona

Create contenuti che siano utili ed interessanti per il vostro pubblico di riferimento

Apportare un contributo originale alla conversazione!

Con la quantità strabordante di contenuti prodotti, condivisi e pubblicati Online ogni singolo minuto, è bene non limitarsi a una rielaborazione di ciò che è stato detto, onde evitare di finire travolti da contenuti simili e diventare ovviamente invisibili. Dovreste sforzarvi di aggiungere qualcosa di vostro, più esaustivo di ciò che già esiste, di far fronte a tutte le obiezioni che i lettori possono avere e supportare le risposte con i dati più recenti ed aggiornati. Una ricerca meticolosa prima di cominciare a scrivere è fondamentale: prendete nota di ciò che già esiste sull’argomento, le posizioni e lo stile assunto dagli autori, la loro prospettiva e se il materiale è più o meno profondo. Che cosa manca che può essere esplorato meglio? Come è possibile estendere il tema ed in che modo? Spendere del tempo per l’elaborazione di contenuti di altissima qualità/utilità sarà certamente più gratificante che ri-scrivere in modo trito e scialbo le solite amenità che passeranno inosservate. 

Tenete presente cosa cercano le persone

Chiariamolo subito: state scrivendo per persone vere e non per un motore di ricerca! Tuttavia può essere utile ricercare le principali parole chiave che le persone usano sia per cercare che per comunicare. Questa indagine può aiutarvi ad ottimizzare al meglio il vostro pezzo in ottica Seo ed ottenere una marcata visibilità (potete usate le keywords più diffuse per il titolo principale e la meta-description ad esempio): ma deve fungere solo da guida per orientare il vostro scritto, la cui lettura deve sempre rimanere naturale, fluida e vicina al l’interesse del pubblico.

Una solida struttura narrativa

Una scrittura efficace deve fare in modo che chi legge possa agilmente seguire il filo narrativo. Il tutto parte da uno schema solido che consenta ai lettori di tuffarsi sempre più in profondità nella loro esperienza di lettura. Cercate di stilare una formula su cui basarvi. Una soluzione allettante può essere quella di cominciare con un intro, elencare i punti centrali e concludere con una potente conclusione riassuntiva. Stessa cosa è attuabile con la modalità “Come fare a..” : si inizia con un’introduzione, si procede con una contestualizzazione maggiore spiegando perché l’argomento sia importante per il lettore fino ad elencare i dettagli su come fare qualcosa in formato lista. Una architettura ben definita alla base del vostro articolo è essenziale per iniziare ed avere chiara in testa la direzione da seguire: non c’è niente di peggio che buttare giù un’introduzione senza sapere esattamente cosa tratterà il resto del pezzo.

scrittura-efficace-struttura-narrativa

Definire una struttura narrativa è la chiave per ottenere una scrittura efficace

Avere un’idea centrale (e mantenerla!)

Sia che stiate creando un ebook, un libro vero e proprio oppure un più ordinario blog post, dovreste avere un’idea di fondo cui far ruotare tutto il resto attorno. Alle volte è molto facile perdere di vista il motivo fondante per cui abbiamo iniziato a scrivere una volta chinata la testa sulla nostra tastiera. Tenere a galla nella vostra mente l’idea nodale, servirà come una sorta di reminder per focalizzare gli sforzi verso i benefici che potrà trarne il lettore. Se avete la fortuna di collaborare o lavorare con uno specialista dell’editing chiedete sempre una spassionata opinione prima della pubblicazione: molteplici prospettive possono aiutare a far emergere eventuali errori o “dirottamenti” dal tema principale.

Lo stile deve supportare i valori, la strategia e il messaggio del Brand

Ogni singolo pezzettino di contenuto che andrete a distribuire o promuovere dovrà essere di supporto al vostro Brand, rispecchiandone i valori, la visione di fondo e la promessa che state facendo ai vostri lettori. Le parole che usate, il tono del linguaggio, l’argomento trattato e i dettagli inclusi dovranno andare a rafforzare (ed influenzare) la visione che il lettore ha del vostro Brand e la sua volontà di saperne di più su di voi. In merito all’utilità del contenuto su cui state lavorando, chiedetevi sempre in che modo ciò che state scrivendo sta aiutando il lettore nelle sue scelte ed, eventualmente, nel suo processo di acquisto.

scrittura-efficace-contenuti-branding

Una scrittura efficace dovrebbe rispecchiare i valori del Brand

 

Inserire un invito all’azione efficace

Ci siamo: avete attirato con ottimi risultati l’attenzione dei lettori e li avete deliziati con un contenuto educativo e di loro interesse. E’ tempo di dir loro cosa vi aspettate che facciano! L’azione desiderata può essere sbrigativa come la richiesta di condividere o lasciare un commento di risposta al post. Oppure potrebbe essere più diretta come chiedere di chiamarvi, sottoscrivere una newsletter o scaricare del materiale. Questa si presuppone come un’occasione unica per portare l’interazione con i lettori a un livello più intenso: assicuratevi di ricompensarli nel modo giusto!

Grammatica: niente gaffes!

Abbiamo ripercorso in modo minuzioso tutte le tappe per ottenere una scrittura efficace: si parte da un’idea iniziale, si lavora sul titolo, si collezionano informazioni da fonti differenti, dati e statistiche, si procede ad inserire il tutto in uno schema preciso ripulendolo da dettagli non necessari, in modo da rinforzare l’ obiettivo primario. Eccoci arrivati al passo finale: quello della revisione. Ho già dedicato un approfondimento al tema dell’editing. E’ bene comunque ricordare come nella fretta questa fase venga purtroppo spesso trascurata: un errore madornale visto che può segnare la sottile linea di demarcazione tra rinvigorire la vostra credibilità o abbatterla! Articoli che divagano troppo o che ripropongono contenuti visti e rivisti in ogni dove finiranno per innervosire i lettori che avranno la sensazione di buttare inutilmente il loro tempo. Grossolani errori grammaticali (oltre a minare la vostra immagine) andranno a distrarli dall’idea di fondo che si vuole trasmettere.

Spero che questo template possa aiutarvi nella vostra attività di scrittura o almeno possa rendere più snello il processo creativo! Avete suggerimenti aggiuntivi o totalmente diversi da questo tipo di approccio? Fatemeli sapere 😉