Social Media Marketing: come balzare da una piattaforma all’altra

Sfruttare il potenziale immenso del Social Media Marketing può dare una spinta poderosa al raggiungimento dei vostri obiettivi di Marketing digitale: accrescere la community dei vostri seguaci, catturare nuovi potenziali clienti da contattare, acquisire un’ampia notorietà del Brand o semplicemente promuovere determinati eventi cui tenete. Tuttavia, buttarsi in questo oceano senza avere la minima nozione delle regole fondanti che ne stanno alla base può essere (nella migliore delle ipotesi) poco produttivo. Non sono rari i casi in cui una comunicazione social sbagliata si trasforma in un vero e proprio boomerang. A proposito, eccovi un terrificante ripasso dei peggiori “epic fail” dell’anno passato. E’ di vitale importanza capire a fondo il contesto in cui andate ad agire e scegliere i Social Media che più si allineano agli scopi che vogliamo raggiungere: chi sono gli utenti tipici della piattaforma, per quale tipo di contenuto è più adatto (se su Twitter la comunicazione si svolge con un ritmo e una frequenza battente, su Linkedin o Facebook un post al giorno ma molto più descrittivo può essere più conveniente), il tipo di tono e linguaggio che si conforma con quel Social (scherzoso, formale, anticonvenzionale). Proprio per i suddetti motivi è necessaria una buona capacità camaleontica quando si va ad interagire con una piattaforma Social piuttsto che un’altra! Nel frattempo potete anche aumentare le vostre competenze con questo fantastico manuale sul Marketing B2B e B2C che ho divorato in questi giorni! 🙂

Per aiutarvi ad entrare completamente in questa ottica, ho provato a stilare quelli che sono i 10 principi a cui attenersi nel momento in cui mettiamo le mani nel magico mondo dei Social.

Arte dell’ascolto – Social Media Marketing

Il successo sui Social Media richiede molto più ascolto di quanto si è soliti pensare. Il monitoraggio del proprio pubblico di riferimento è la pietra angolare su cui dovrebbe poggiarsi ogni strategia di comunicazione, soprattutto nel momento in cui si vanno a scegliere i contenuti. Solo una volta che si è capito a cosa i nostri followers sono interessati è possibile creare un tipo di contenuto capace di originare un dibattito e di fornire un valore aggiunto piuttosto che ulteriore confusione alle loro newsfeed. Strumenti come BuzzSumo o Parsely permettono di ottenere una dettagliata panoramica sui contenuti più popolari ed efficaci sulla rete per ogni argomento, così come buttare un occhio sui normali motori di ricerca interni a Pinterest e Twitter consente di stare al passo con i “trending topics”.

social-listening-strumenti

Social listening : come capire i gusti e le aspettative del proprio pubblico

Un focus ben delineato -Social Media Marketing

Concentrare tutte le energie su una strategia ben definita ed indirizzata al raggiungimento di uno scopo preciso è decisamente più raccomandabile di un utilizzo “a piovra” che cerchi di coprire una moltitudine di obiettivi. Volete utilizzare le pagine Social per fornire un’assistenza tecnica ai vostri clienti? Oppure il fine ultimo è quello di promuovere il vostro business a livello locale per portare più clienti in negozio? O magari intendete fare storytelling con contenuti che spieghino a fondo cosa rappresenta e simboleggia il vostro marchio. Attuare un piano dai contorni delimitati aiuterà senza ombra di dubbio tutti i followers a capire sin da subito che risposte possono trovare sulle vostre pagine e ad acquisire persone che si identifichino fortemente col Brand.

Qualità al potere – Social Media Marketing

Non mi stancherò mai di gridarlo ai quattro venti: la qualità vincerà sempre sulla quantità. L’ossessione per i grandi numeri, che ha fortemente influenzato anche piccole-medie aziende fino a spingerle a soluzioni estreme come la folle pratica di acquisto di followers, deve finire al più presto: almeno per voi che leggete! E’ sempre meglio avere un numero anche modesto di connessioni che siano genuinamente coinvolte con il vostro Brand, ossia che leggano, condividano, commentino (anche polemicamente perché no) i vostri contenuti piuttosto che una massa informe di followers che scompaiono dopo aver cliccato sul famigerato like sulla pagina, senza che poi facciano mai più ritorno. Sempre ammesso che siano esseri umani e non bots provenienti dall’altro capo del mondo (ebbene sì, queste è quello che vi viene venduto se comprate dei followers..).

fake-followers-social-media

Pochi followers ma reali: evitare sempre scorciatoie pericolose

La pazienza è la virtù dei forti…anche sui Social!

A questa legge non si scappa. Il successo (e la crescita) sui Social Network non avviene dal giorno alla notte. Sebbene possano esservi eccezioni (legate soprattutto a trovate geniali che possono assumere un carattere virale), è necessaria una programmazione di lungo termine e costante per aumentare il numero dei fan, per costruire una comunità ben coinvolta e partecipativa e, ovviamente, per ottenere una certa notorietà Online.

Sfruttare l’Effetto Domino – Social Media Marketing

Ancora una volta torniamo a sottolineare il ruolo centrale svolto dal contenuto di ottima qualità: le possibilità di conquistare fette di pubblico sempre crescente e di vedere il proprio lavoro allargarsi a macchia d’olio sui vari Social Netowrk sono concrete se si ha la fortuna (e le capacità) di fare centro con i contenuti giusti. I followers saranno entusiasti e propensi di condividere sui loro canali del materiale che ritengono utile, informativo e divertente: non solo sui Social ma probabilmente anche sui loro Blogs. Questo benefico rumore che puó generarsi intorno al vostro contenuto porterà un altro oggettivo vantaggio, ossia si andranno a creare altri punti di entrata per i motori di ricerca per mostrarlo a seguito di determinate ricerche: seppur i link provenienti dai Social non influenzino direttamente i motori di ricerca, possono però accrescere l’engagement, favorire nuovi collegamenti e rafforzare l’autorità del dominio stesso.

 Il peso di essere “Influenti”

Spendete un pò di tempo Online alla ricerca dei più noti Influencers nel vostro campo: con il loro seguito enorme e fedele saranno capaci di dirottare verso di voi una gran quantità di persone potenzialmente interessate ai vostri prodotti e servizi. Tutto questo è più che sufficiente a giustificare gli sforzi compiuti al fine di costruire un network di Influencers attorno al vostro Brand. Nel momento in cui entrerete all’interno del loro radar ricettivo come una fonte florida e credibile di informazione, le probabilità di convincerli a sponsorizzare o semplicemente parlare di voi saliranno in modo tangibile!

Il valore aggiunto – social media marketing

Le tue pagine Social non sono semplicemente la vetrina di un negozio in cui esporre in modo massiccio tutta la mercanzia a disposizione. Utilizzare questi canali con il solo scopo di auto-promuoversi e sbattere in faccia quotidianamente i tuoi prodotti o servizi alle persone, è il modo migliore per fare in modo che non vi ascoltino più (e nemmeno seguano alla lunga..). Contribuire con qualcosa di diverso che i followers non si aspettano: focalizzatevi meno sull’aspetto della conversione (che può avvenire altrove e con altri mezzi come una campagna DEM mirata) e mirate piuttosto all’elaborazione di contenuti straordinari e allo sviluppo di una relazione onesta ed intensa con la comunità. Con il tempo le persone diventeranno catalizzatori importanti e potranno innescare una sorta di passaparola a tutto vantaggio del vostro Business!

social-media-valore-aggiunto

Come dare alla strategia di Social Media marketing un valore aggiunto

Accessibilità

Pubblicare un contenuto e poi svanire nel nulla: forse uno dei modi peggiori (e controproducenti) di gestire i propri canali Social. Cercate di rendervi il più possibile disponibile al vostro pubblico: tutto ciò significa partecipare alla conversazione, rispondere ai messaggi privati e alle varie curiosità che possono sbucar fuori. I followers non hanno alcun interesse a presenziare una pagina “fantasma” in cui non c’è interazione per cui non esiteranno a sostituirvi con un altro “competitor” se scomparirete per giorni o addirittura settimane.

Reciprocità : il mondo non ruota intorno a voi

Il concetto di mutua reciprocità è uno dei comandamenti che sin dagli albori hanno segnato la filosofia dei Social Network. Difficile aspettarsi che altri siano disposti a condividere i tuoi contenuti e parlare di voi se non siete disposti (almeno in una certa misura) a fare lo stesso per loro. Suggerisco di investire una porzione del vostro tempo e sacrificare una percentuale della vostra bacheca promuovendo contenuti provenienti da altre fonti e gratificando gli autori. Questo atteggiamento vi aiuterà anche a non essere troppo auto-referenziali con ricadute positive sulla vostra credibilità.

social-media-reciprocita

Il concetto di reciprocità è molto forte sui Social Media

Parla come mangi!

Per finire voglio soffermarmi sull’importanza di rimanere autentici,qualsiasi sia il tipo di Business od organizzazione che state promuovendo. Il che non significa ricoprire la vostra bacheca di Gifs, emojis, giochi di parole e vignette. Cercate di evitare toni da bilancio aziendale o da ufficio stampa per evitare di spegnere sul nascere l’entusiasmo dei followers. Allineatevi a quello che è il tono del vostro Brand e cercate di suonare reali in modo da consegnare il giusto messaggio.

CONCLUSIONI FINALI

Bene! Eccoci alle conclusioni. Come sempre, ognuno è libero di gestire i propri profili nel modo che ritiene più opportuno. Tuttavia questa lista di principi che ho elencato risponde a delle tendenze ampiamente comprovate durante i primi 10 anni di esistenza del mondo Social ed adottarli (senza esserne ossessionati) può solamente arrecare vantaggi. Per ogni tipo di supporto per la vostra strategia di Social Media Marketing, sentitevi liberi di contattarmi 😉