Divulgare il messaggio a macchia d’olio con i contenuti virali

I contenuti virali possono essere un testo, un audio o un video che si diffondono tra un vasto numero di persone. Conoscere le basi (e i trucchi) che rendono un post virale, farà in modo che un contenuto pubblicato compaia con frequenza su innumerevoli newsfeed ed invogli la gente a leggerlo, condividerlo e commentarlo. In poche parole, a promuoverlo. Il compromesso ideale consiste essenzialmente nel rendere un contenuto virale senza andare a minarne la sua buona qualità! Mentre fino a pochi anni fa il concetto di viralità era più associato al settore della musica e del cinema, al giorno d’oggi è diventato un punto di riferimento e l’obiettivo più ambito nel campo dei Social Network.

Ma a cosa giova, in definitiva, la viralità e perché ne abbiamo bisogno? Ecco 6 valide ragioni:

  • Aumentare la popolarità e il fermento intorno ad un Brand
  • Accrescere il numero di followers
  • Di conseguenza, aumentare le possibilità di potenziali acquisizioni di clienti
  • Contribuire alla promozione ideale di un sito web o blog
  • Fonte poco dispendiosa per ottenere traffico web
  • Fare pubblicità in modo decisamente più economico rispetto a più tradizionali campagne pubblicitarie!

Dunque, come fare a ad ottenerla? Ho provato a riassumere in 8 suggerimenti i modi migliori per arrivare all’agognata viralità sui Social Media.

Scopri tutte le conseguenze positive che derivano dalla creazione di contenuti virali per il tuo sito web

Suscitare emozioni – Creare contenuti virali 

Capire profondamente il pubblico con cui si ha a che fare è basilare per creare un capolavoro virale. Lo scopo finale di ogni post non è quello di una piatta promozione del prodotto/servizio ma quello di smuovere un’emozione tra i tuoi followers. In poche parole, raggiungere la massima personalizzazione. Ogni post dovrebbe suonare come un messaggio proveniente da una persona vera, non da un Brand senza faccia né anima. Che tu sia un tycoon di fama internazionale o un piccolo blogger di 15 anni l’obiettivo è sempre il medesimo: comunicare, ricevere e condividere informazioni. Per questo è necessario essere capaci di raggiungere ognuno toccando le corde emotive.

  • Il sorriso. Un’emozione positiva è la chiave del successo. Se riesci a sprigionare il buonumore dei tuoi lettori, le probabilità che questi ultimi condividano il tuo post si impennano. Ogni tanto è buona cosa tirare su il morale con battute, giochi di parole, simpatiche gifs o video! Come sempre è essenziale prestare attenzione a quanto sia rilevante e attinente al tuo stile oltre al momento migliore per pubblicarlo sui vari canali: un video, seppur divertentissimo, pubblicato in un super-impegnativo lunedì mattina, potrebbe non portare gli effetti desiderati.

Un’immagine simpatica può avere un grande impatto sull’engagement degli utenti di una pagina social

  • Nostalgia. Hai fatto caso a quanti post datati di alcuni anni si vedono in giro ultimamente su Facebook? Le persone amano rispolverare i ricordi (soprattutto i più belli). Allo stesso modo puoi sfruttare questa leva, ricreando storie del passato o anche con veri e propri “Throwback”, ossia riproponendo mode e tendenze del passato (“Come vestivamo negli anni ’80”, “I cellulari che usavamo 15 anni fa”, “La musica che ascoltavamo da teenager” sono alcuni esempi frivoli ma esaustivi).
  • Orgoglio. Può sembrare banale, tuttavia un sacco di utenti sui Social Media condividono post di brand di successo per richiamare un assonanza con loro stessi o la loro attività! Se vuoi ottenere il risultato virale tieni questo fattore sempre in considerazione. A tale proposito, se il pulsante di condivisione è affiancato alla descrizione di un prodotto vincente, aumenteranno anche le probabilità di ulteriori acquisti.
  • Coinvolgimento. Contenuti a tema sociale rappresentano sempre un evergreen nel mondo Social. Se presentati (ovviamente) in modo sincero e disinteressato (come deve sempre essere), ogni tipo di post che richiami l’attenzione verso forme di discriminazione, a supporto di tematiche ambientali o di buone cause, ricevono sempre una calda accoglienza. Partecipa ad eventi importanti, diventa partner ufficiale di organizzazioni di volontariato, diventa membro attivo di una campagna ecologica e riporta le tue azioni tramite i tuoi spazi Social.
  • Stupore. Non è così semplice ma talvolta puoi sorprendere i followers rivelando in anticipo qualcosa che ancora non sanno (come una notizia per loro importante ma che ancora non si è pienamente diffusa). Più semplice e fattibile avvalersi dell’aiuto di una buona storia che sia in grado di appassionarli (verosimilmente che riguardi qualcuno con cui possano immedesimarsi facilmente).

Inspirare – Creare contenuti virali 

I Social Networks possono talvolta raffigurare lo specchio virtuale del mondo interiore dei followers. Ciò è ancor più vero per quei Social fortemente basati su contenuti grafici e visivi: Instagram può dire molto sul proprietario dell’account. Tutto ciò può essere astutamente utilizzato per ottenere viralità. Questo compito non comporta lo stesso sforzo per tutti. Se da un lato ottenere un’interazione forte (e quasi “intima)” con i propri seguaci può essere difficoltoso per alcuni Brand (pensate a chi produce elettrodomestici o concime per terreni..), dall’altro è quasi istantaneo e naturale per altri (pensate a chi produce energy drinks, equipaggiamento per appassionati di montagna!).

Creare contenuti che possano essere fonte di grande ispirazione per i followers

Rendere la tua immagine unica – Creare contenuti virali 

Cerca di legare la tua immagine a qualcosa che la renda immediatamente ben identificabile e riconoscibile a tutti: creare dei personaggi (anche animati) che accompagnino lo storytelling del tuo Brand può essere la chiave di volta per un successo virale. Pensate a quello che fa da anni la M&Ms con i suoi mitici personaggi e capirete bene quanto siano cruciali nella loro comunicazione!

Rendi il tuo Brand facilmente riconoscibile e identificabile da tutti

Mai dimenticare l’utilità! – Creare contenuti virali 

Nella maggior parte dei casi i contenuti virali hanno una forte presa e una massiccia diffusione pur avendo vita molto effimera: questo perché vengono spesso concepiti con il solo e unico scopo di intrattenere, niente che vada oltre a questo. Ciò non vieta di provare a fare in modo che risultino anche utili ai destinatari (come fonte di informazione su un argomento, come reminder, come tutorial per costruire qualcosa e in mille altre maniere): aggiungere anche l’utilità può prolungare sensibilmente la loro durata nel tempo!

Provocare! – Creare contenuti virali 

Non è un segreto il fatto che post ad alto tasso di provocazione portino naturalmente a una risposta intensa dei followers sotto forma di commenti e ri-condivisioni. Scontato dire che è sempre bene avere chiaro fino a quali limiti ci si può spingere con la provocazione onde evitare figuracce o andare a toccare argomenti troppo controversi che possono ritorcersi contro con un effetto boomerang. Al netto di tutto ciò, post di questo genere possono aiutare a rompere la solita monotonia quotidiana sui Social.

Infrangere le regole – Creare contenuti virali 

In un certo senso questo consiglio è una sorta di continuazione del precedente: a volte agire contro le regole prestabilite può essere produttivo, se si rispettano le misure giuste. Molti followers apprezzeranno testi che si differenziano dai soliti (e precostituiti) punti di vista così come video capaci di spezzare gli stereotipi. Lo svantaggio è quello di andare incontro a qualche critica ma se sapete come difendere la vostra reputazione online, la vostra visibilità ne beneficerà ampiamente poiché verrete citati e menzionati con frequenza.

Scegli contenuti unici e fuori dall’ordinario

Stare al passo con i trend – Creare contenuti virali 

Ogni giorno il mondo del web pullula di eventi (a livello nazionale e mondiale), celebrazioni e avvenimenti vari. Molte di queste avvengono senza che i tuoi competitors ne siano minimamente al corrente: per questo devi sempre essere pronto a prendere decisioni velocemente e a cogliere le occasioni al volo. Perché non fare un post a tema per la festa della mamma? Oppure perché non suggerire un piatto prelibato per la giornata mondiale dei vegetariani o, meglio ancora, mandare un messaggio di supporto nel giorno in cui viene celebrato il rispetto dei diritti umani? Sono solamente esempi casuali ed occasioni tra loro diversissime ma che lasceranno intendere quanto sei al corrente di ciò che ti sta accadendo attorno.

CONCLUSIONI FINALI

Per capire la natura virale di un post è necessario valutare nell’insieme il numero dei like, di commenti, condivisioni, click, followers attratti: un’analisi che sicuramente prenderà parecchio tempo ma che sarà utile al fine di stabilire la popolarità di un post e di cosa hai bisogno per renderlo più performante. Non posso assicurarti che possano farti raggiungere lo scopo con certezza (visto  che anche altri fattori possono avere una forte influenza) ma usarli in modo costante dovrebbe incrementare le possibilità! Come sempre aspetto di conoscere anche i vostri “segreti”: contattatemi se avete bisogno di consulenza per la vostra strategia di Web Marketing 😉