Sfruttare il Visual Marketing per espandere il proprio messaggio

Le Infografiche sono ormai uno dei pilastri basilari del Visual Marketing. Una Infografica di ottima qualità è il risultato di un duro lavoro che comprende una ricerca curata e approfondita per accumulare dati e statistiche utili, metterle assieme in una forma grafica allettante e capace di cogliere l’occhio del lettore, caricarla sulle piattaforme adeguate e iniziare una promozione mirata. Tutto questo dovrebbe rendere un po’ più chiaro perché è abbastanza raro vederne di meravigliose in giro.. L’utilità di un Infografica in termini di coinvolgimento di una community è velocemente spiegabile con la sua semplicità : si tratta di un elemento grafico che ci consente di trasmettere un certo tipo di informazioni in modo molto più digeribile e leggero per i destinatari, senza che essi debbano sorbirsi paragrafi interi di numeri, statistiche e spiegazioni varie. Inoltre è risaputo come le informazioni sotto forma visiva vengano recepite molto più velocemente dal nostro cervello! Prima di procedere con la sua produzione, soffermatevi sempre sulla domanda di rito: perché farla? Quale obiettivo intendete raggiungere con esattezza? Solo perché è di tendenza, perché l’avete scoperta leggendo su un Blog di Marketing o perché molte grandi Brand ne fanno uso? Risposte migliori potrebbero invece essere:

  • Perché i vostri followers potrebbero apprezzare maggiormente questo tipo di contenuto
  • Perché potrete raggiungere un pubblico decisamente più vasto
  • Per distinguervi dalla concorrenza

Indipendentemente dalla vostra spinta propulsiva e dal processo creativo, oggi voglio soffermarmi su come usare i Social Media per promuovere al meglio un’infografica. Cominciamo!

visual-marketing-social-media

Fate leva sul potere persuasivo del Visual Marketing sui Social Media

Capire l’anatomia

Capire l’anatomia di un’infografica è essenziale ai fini di sfruttarne a pieno tutto il potenziale. Al giorno d’oggi siamo abituati a navigare in Internet scorrendo dall’alto verso il basso (e viceversa): Facebook ha una newsfeed strutturata in verticale, la stessa cosa vale per Twitter ed Instagram, i video verticali di Snapchat sono di gran lunga la scelta preferita dagli utenti. Questo spiega abbondantemente perché la schiacciante maggioranza delle Infografiche ha un design verticale. Dunque, prima di immergersi nella sua distribuzione e promozione, è bene capire quale sia la piattaforma che si sposa al meglio con il caricamento di immagini larghe e verticali.

infografica-layout-verticale

Ecco un ottimo esempio per capire la struttura verticale di un’infografica

Utilizzare più di una piattaforma

Il Social Network più indicato per mettere in vetrina immagini verticali è senza ombra di dubbio Pinterest. Solitamente un’infografica su Pinterest ottiene un tasso di condivisione e di sharing maggiore degli altri. Qual è il motivo? E’ da rintracciarsi ancora nella natura intrinseca della piattaforma: Pinterest è appositamente creata per ospitare questa tipologia di contenuto, laddove in altri verrebbe tagliato e visualizzato in malo modo. Evitate ad esempio di utilizzare Infografiche su Facebook perché hanno un aspetto piuttosto scialbo e poco attraente: è consigliabile piuttosto disegnare un “banner” che ricolleghi esternamente alla stessa. Dal momento che intendete investire risorse e tempo prezioso, raccomando di caricarla direttamente su Pinterest per ottenere maggiore visibilità e interazione da parte della community. Non dimenticate di installare un “Pinterest Button” (facilmente reperibile come un plugin di WordPress) per dare facoltà a tutti di condiderla sui loro canali Social. Una volta caricata, sfruttando le possibilità di modifica (“Edit button”), inserite il link verso il sito web o Blog su cui volete mostrare l’immagine: facendo così, una volta che i followers cliccheranno sull’infografica verranno automaticamente dirottati sul vostro sito creando una buona scia di traffico e aumentando le possibilità di conversione. Siete al corrente del fatto che potete puntare anche su SlideShare? Sono in molti a catalogarlo come un Network adatto solamente alle presentazioni ma è possibile caricarvi anche infografiche: basta che vi assicuriate di farlo in un formato PDF.

Distribuzione multi-canale

Sebbene Pinterest sia il luogo naturalmente predisposto per ospitare un’infografica, non significa che la promozione debba restringersi solo a questo canale. Se avete seguito il mio consiglio di utilizzare SlideShare, aprite il vostro pannello di controllo: avrete immediatamente a portata di mano la possibilità di condividere il contenuto su qualsiasi altra piattaforma desideriate. Assicuratevi solamente di essere loggati con il profilo giusto e premete il pulsante! Questa è l’interfaccia (molto intuitiva) che vi troverete di fronte:

slideshare-infografiche

SlideShare è una buona piattaforma sia per caricare che per condividere infografiche su altri canali

Idem per Pinterest: nel momento in cui cliccate su una Infografica, si aprirà un piccolo pop-up che vi consentirà di condividerla agilmente su Twitter, Facebook , Messenger ma anche di ottenere un breve link da incollare al volo ovunque vogliate. Molti Social Media Managers si dimenticano di quanto immediata possa essere la condivisione dei contenuti attraverso i diversi Social Media: un errore in cui certamente voi non cadrete 😉

Freschezza e originalità per attirare l’attenzione

Concetti che probabilmente non suonano nuovi alle vostre orecchie e che onestamente rischiano di essere a volte termini in voga ma privi di un significato concreto. Quindi provo a spiegarmi con più chiarezza. Quando penso alla creazione di una Infografica (da amante di Pinterest quale sono) cerco di ragionare come un fan e non come il gestore del profilo. Da questa prospettiva mi vengono in mente due considerazioni:

  • Avete familiarità con il concetto di “Blink Test”? Nel gergo del Marketing si intende quel lasso di tempo molto breve (massimo 5 secondi) durante i quali un visitatore decide di restare o meno sul tuo sito web (o qualsiasi altro canale Online) oppure abbandonarlo. Mettetevi nei panni dei vostri followers e immaginate che questo è il tempo limite a disposizione per conquistarli prima di sprecare tutte le risorse investite nella creazione di un contenuto: un buon sprone alla creatività, visto che realizzerete come l’ordinario non sarà sufficiente a raggiungere certi obiettivi.

  • Non siete gli inventori del format “Infographic” ma, come voi, ci sono molti altri concorrenti che lo stanno utilizzando (con gli esiti più disparati). Tenetelo a mente! Quanto sono utili e aggiornate le informazioni da voi fornite? In che modo andranno ad aiutare chi le legge? Quanto è fruibile e scorrevole la lettura?

Conclusione

Produrre ottimo materiale è la pietra angolare per porre in atto un Content Marketing che porti risultati. Ma al tempo stesso è necessario farlo conoscere al proprio pubblico: queste 5 dritte vi consentiranno di promuovere le vostre Infografiche in modo unico e “smart” 😉